SEO: non giocare a nascondino con il web

Intorno all’acronimo SEO (Search Engine Optimization) si fa sempre un gran vociare sottolineando come esso costituisca una grande incognita quando si propone ad un cliente la costruzione di un sito web o la ristrutturazione di quello già presente.

Letteralmente significa “ottimizzare (il sito) per i motori di ricerca” ma, come buona parte degli inglesismi entrati nel nostro lessico comune, genera ancora confusione sulla sua effettiva utilità.

Essendo un’attività che si svolge dietro le quinte di un sito web, i risultati non sono sempre immediati. Anzi, una buona strategia di indicizzazione va costantemente monitorata e aggiustata; in un certo senso, va coltivata. Richiede attenzione e tempo ma, se viene fatta nel modo corretto, sarà in grado di garantire massimi risultati in termini di visibilità e contatti.

Il SEO è essenziale al giorno d’oggi poiché rappresenta lo strumento di partenza per individuare, all’interno del grande mare del web, quei potenziali clienti che potrebbero bussare alla tua porta.

Per farsi trovare bisogna spargere briciole di pane nel modo giusto

Attuare una strategia d indicizzazione significa compiere una serie d’attività, attraverso l’utilizzo di strumenti specifici, affinché Google indicizzi nel miglior modo possibile il sito aziendale.

Un sito con una buona strategia SEO non solo si troverà nei primi risultati del motore di ricerca, ma avrà una posizione più alta rispetto ai competitor del settore. Bisogna farsi trovare e bene.

Le attività SEO si suddividono in due categorie:

Seo on-page

Comprende tutti i tipi di attività effettuate direttamente sulle singole pagine del sito: dall’ottimizzazione delle foto (per non pesare sulla velocità di caricamento) alla struttura dei tag interni.

In questa parte di seo, il ruolo fondamentale è affidato alle parole chiave che sono gli elementi responsabili per l’indicizzazione vera e propria. Contenuti di qualità ottimizzati, parole chiave pertinenti e una solida struttura garantiranno popolarità e visualizzazioni.

Seo off-page

Il cuore di questa seconda fase si basa sulla creazione di link esterni che mirano alla condivisione dei contenuti del tuo sito. Più vengono condivisi e più autorevolezza il sito acquisisce, anche agli occhi di Google. La pubblicazione su forum specializzati e su blog di settore o una semplice citazione su un portale famoso può ampliare di gran lunga il tuo bacino di utenti. Ma attenzione, se si esagera può essere segnalato e considerato spam.

Racchiudere in un paragrafo tutte le attività SEO che si potrebbero adottare all’interno di un sito web è davvero difficile poiché ogni strategia Seo è studiata ad hoc in base all’azienda, ai suoi prodotti e ai competitor. Quello che possiamo fare è mettere l’accento sul tema della qualità del servizio offerto: scegliete attentamente il partner che gestirà questa fase perché ad oggi il 60% delle intenzioni generali d’acquisto passa per una ricerca on-line con tendenza a crescere.

Ricordate sempre: una buona strategia SEO lascia delle briciole appetitose lungo il cammino virtuale, ma se alla fine della strada non vi fate trovare pronti l’utente svolterà all’ultimo momento.

Se sei interessato ad un’analisi SEO per il tuo sito, contattaci.