social trends 2018

Natale in casa Sgcommunity.it: tutti i trend da seguire nel 2018

Il Natale si sta avvicinando e dobbiamo essere preparati non solo alle interminabili maratone mangerecce dai parenti con annesso scambio di regali acquistati il giorno prima; ma anche a quali saranno i social trends per l’anno che verrà. Gli analisti d’oltreoceano hanno già elaborato i dati raccolti tracciando le linee giuda per i loro Social Media Manager, ed anche se il pubblico italiano si presenta meno smart di quello americano, ci sono degli indicatori che vale la pena conoscere perché avranno un loro impatto anche nel nostro mercato.

Adattando i risultati al nostro panorama nazionale, si scopre prima di tutto che nel 2018 scrivere titoli rilevanti, utilizzare fotografie e video di qualità in grado di catturare l’attenzione non è più sufficiente perché il prossimo anno segnerà la definitiva ascesa dei Social Media ad asset fondamentale e strategico per l’azienda. Se in passato abbiamo notato un certo sforzo da parte delle aziende di presidiare i media in maniera autonoma, d’ora in poi devono mettersi il cuore in pace e creare nel proprio bilancio societario una voce di costo che ne comprenda le spese.

Va dove ti porta il trend!

Cosa ci aspetta dietro l’angolo? A cosa dobbiamo stare attenti per far si che i Social diventino un nostro alleato anziché un nemico da combattere? Ecco quindi alcune pillole di Trend ma non abusate perché creano dipendenza!

  • Video come se piovesse: non si tratta di una novità assoluta, ma i dati raccolti nel 2017 e le ultime modifiche agli algoritmi di Facebook sono chiarificatori in questo senso. Sia i video professionali, sia i live streaming sono diventati i King del web, ma bisogna fare attenzione nel pensare che con le dirette live si risparmi tempo e risorse. Un live streaming su Facebook accresce sicuramente il proprio bacino d’utenza, ma se qualcosa andasse storto è in grado di spazzare via l’immagine aziendale in pochi nanosecondi.
  • Colpo di fulmine? No di Smartphone! Gli analisti hanno stabilito che entro il 2020 circa il 60% degli utenti accederà al web quasi esclusivamente dallo smartphone e che adesso il 96% di essi usa un dispositivo mobile quando ha qualche dubbio da risolvere. Si parla di “Micro-moment” degli utenti che l’azienda deve catturare per far scattare la scintilla dell’innamoramento al brand. Per far questo bisogna dotarsi di una strategia per il mobile fatta di contenuti, sia testuali che grafici e video differenti da quelli usati per il traffico che passa per i PC.
  • Customizza i contenuti: se la parola “coinvolgere” era il mantra del 2017, quella di quest’anno è “coinvolgere consapevolmente”. Grazie agli algoritmi sempre più dettagliati di Facebook e degli altri canali social, ora è possibile individuare con precisione il proprio pubblico d’utenza cosi da poter creare contenuti pertinenti, interessanti e unici in grado di colpire proprio questa fetta. Il tempo dei Temi Liberi come a scuola è finto.

L’anno che verrà, forse più dei precedenti, segnerà uno spartiacque tra chi vorrà fare il salto di qualità, facendo dei social network uno strumento in grado sia di valorizzare il proprio brand che di fungere da commerciale, e chi invece verrà sommerso dalla sua forte ascesa.